10 secondi: Stati Uniti, produzione industriale di ottobre sotto stime al -0,1%

Stati Uniti: la produzione industriale nel paese ha segnato ad ottobre una flessione dello 0,1%, rispetto al precedente +0,7%, eluso le attese per un progresso dello 0,2%. Il dato di settembre è stato rivisto al rialzo a +0,7% da +0,6%. La capacità di utilizzo degli impianti di produzione ha accusato un calo di 0,2 punti al 78,1%, con il consensus … Continua a leggere

10 secondi: Stati Uniti, a settembre creano meno occupati del previsto al 7,2% stime 7,3%

Stati Uniti: il dato sugli occupati nei settori non agricoli a settembre è risultato positivo per 148.000 unità (dalle +193.000 del mese precedente) ma al di sotto del consensus a 180.000 unità. Ben 28 mila sono invece nati a livello statale e locale, mentre a livello federale si registra un taglio di 6 mila unità. Il tasso di disoccupazione a … Continua a leggere

10 secondi: Stati Uniti, produzione industriale ad agosto +0,4% m/m, comparto auto 5,2%

Stati Uniti: l’Industrial Production Index (IPI), ovvero l’Indice della Produzione Industriale che misura la variazione dell’output del settore, ha segnato ad agosto un rialzo dello 0,4% m/m rispetto al mese precedente, quando era rimasta ferma, e con il ritmo maggiore verificatosi in otto mesi, spinta principalmente da una energetica accelerazione del settore auto. Il dato si confronta con una variazione … Continua a leggere

10 secondi: Stati Uniti, a gennaio la produzione industriale in calo a -0,1%

Stati Uniti: la produzione industriale ha mostrato una riduzione a gennaio dello 0,1%. Il dato è risulta peggiore sia delle attese (+0,2%) che del dato precedente (+0,4%). L’indice della  Federal Reserve sull’attività manifatturiera statunitense è salito in febbraio a 10,04 punti, in forte crescita rispetto a -7,78 conseguiti nel mese di gennaio, e molto al di sopra delle attese (-2,00). … Continua a leggere

10 secondi: Stati Uniti, la Fed lascia invariati i tassi d’interesse tra 0 e 0,25%

Stati Uniti: la Federal Reserve (Fed), la banca centrale, ha annunciato la volontà di mantenere i tassi d’interesse “eccezionalmente bassi” fino a quando il tasso di disoccupazione nel Paese non sarebbe sceso sotto il 6,5 (attualmente in 7,9%), confermando cosi i tassi di interesse nel range 0-0,25% ed ha annunciato un programma di acquisto Treasury al ritmo iniziale di 45,0 … Continua a leggere

10 secondi: Usa a settembre il tasso di disoccupazione è calato al 7,8%

Stati uniti: indicazioni tutto sommato positive giungono dal mercato del lavoro che nel mese di settembre ha visto il tasso di disoccupazione calare al 7,8% dall’8,1% di agosto ai minimi degli ultimi 44 mesi. Era infatti dal gennaio 2009, quando il presidente americano Barack Obama ha assunto l’incarico, che non scendeva a un livello così basso. Questi risultati hanno disatteso … Continua a leggere

10 secondi: La Fed lascia tassi di interesse allo 0-0,25

Stati Uniti: La Federal Reserve (Fed), la banca centrale degli Stati Uniti d’America, ha lasciato i tassi di interesse invariati allo 0-0,25%, annunciando che resteranno eccezionalmente bassi almeno fino a metà 2015. Mentre la Fed taglia le stime del Prodotto interno lordo (Pil) nel 2012 a 1,7-2%, rivedendo al rialzo quelle per il 2013 e il 2014 partono già da … Continua a leggere

Sintesi della giornata finanziaria: 11 maggio 2012

Azioni Italia Buzzi Unicem (EUR : 7,77): ha chiuso il 1Q12 con una perdita netta di 45,9 milioni di Euro, in salita dal rosso di 32,8 milioni del 1Q11, a fronte di ricavi in calo a 562,2 milioni (-1,3%), mentre il margine operativo lordo è pari a 22,4 milioni (-47,6%). Relativamente al resto dell’anno, la società conferma l’outlook di risultati … Continua a leggere

Analisi della performance degli Stati Uniti d’America

Cauto ottimismo sul futuro economico-finanziario e di conseguenza sociale degli Stati Uniti d’America. Questo in sintesi il messaggio contenuto nel Beige Book della Federal Reserve reso noto il 2 marzo 2011. Nel documento che costituisce la base per le scelte di politica monetaria degli Stati Uniti, gli economisti di Washington hanno alzato le stime di crescita per l’anno in corso: … Continua a leggere

Granturco: il gigante addormentato si sta forse risvegliando?

La recente ascesa del prezzo del granturco ha raggiunto il picco massimo lo scorso 9 novembre: da allora, si è osservato un costante declino, che ha toccato il minimo – con una perdita di 99 centesimi di dollaro – il 23 novembre. In quest’ultimo periodo, infatti, il mercato è stato, caratterizzato da una massiccia vendita, dominata dai fondi e dagli … Continua a leggere