Sintesi della giornata finanziaria: 17 gennaio 2012

borsa italia,borsa estero,finanza,macroeconomia,imprese,analisi tecnica,economia,covered warrant,certificates,ftsemib,euro stoxx 50,indici azionari,rublo,cambi,euroAzioni Italia

A2A (EUR : 0,694) e Iren (EUR : 0,683): resta alta la tensione fra Iren e A2A sulla definizione della governance della futura Edipower tutta italiana, frutto del riassetto di Edison fra i soci italiani ed Edf. Oggi si è svolto un consiglio di amministrazione informativo di Iren sullo stato di avanzamento dell’accordo preliminare. “L’intera operazione di riassetto non è stata approvata in attesa di capire come evolverà il negoziato soprattutto con A2A”, ha detto a Reuters una fonte vicina al dossier. Datalogic (EUR : 5,77): ha annunciato che i ricavi preliminari delle vendite dell’esercizio 2011 si attestano a 424,9 milioni di Euro, con una crescita dell’8% su base annua (+11% a cambi costanti). Il 4Q ha confermato il positivo andamento delle vendite del gruppo con ricavi pari a 107,6 milioni, in aumento del 6% (+6% a cambi costanti) rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Eni (EUR : 16,65): gli analisti di Natixis hanno promosso il titolo a buy. Snam RG (EUR : 3,38): e la belga Fluxys hanno sottoscritto un accordo per la valutazione di potenziali iniziative di sviluppo congiunte nelle infrastrutture del gas in Europa. Tod’s (EUR : 64,60): gli analisti di Bank of America-ML hanno tagliato il giudizio da neutral a underperform.

L’indice di borsa milanese Ftse/Mib chiude le contrattazioni in rialzo ma in prossimità dei minimi intraday, in un clima di generale indebolimento anche per le altre Borse europee, senza che gli operatori segnalino motivazioni particolari alla base del movimento. L’orientamento negativo del comparto bancario, con la BPER che cede quasi il 4%, mentre a seguire si trova Mps che risente del downgrade di D. Bank. Tra i titoli positivi si evidenzia Parmalat che si muove in controtendenza rispetto al settore alimentare con un rialzo superiore al 2%. Bene anche Enel grazie all’impatto delle nuove tariffe.

Azioni Estero

AIG (USD : 24,86): AIA Group Ltd, il terzo gruppo assicurativo asiatico detenuto per circa un terzo da AIG, potrebbe fare un’offerta per le attività assicurative asiatiche di ING Groep; lo riferiscono a Reuters fonti vicine alla vicenda. Burberry (GBp : 1298): ha chiuso il terzo trimestre dell’esercizio fiscale con ricavi pari a GBP574 mln, in rialzo del 21% rispetto allo stesso periodo dell’anno prima, battendo le attese degli analisti che erano per GBP568 mln. Citigroup (USD : 29,11): ha chiuso il quarto trimestre 2011 con un utile netto di 1,2 miliardi di dollari, pari a 38 centesimi per azione, contro 43 del 4Q10 ed i 49 attesi dagli analisti. I ricavi si sono attestati a 17,2 miliardi (-12%), anche qui sotto le attese che convergevano su 18,54 miliardi di dollari. Sotto il profilo patrimoniale, il Tier 1 è al 13,6%, il Tier 1 Common Ratio è all’11,8%. Hasbro (USD : 33): i dati preliminari mostrano che i ricavi del 4Q saranno pari a circa 1,33 miliardi di dollari, in rialzo rispetto ai 1,28 miliardi riportati nel anno trascorso. Per l’intero esercizio 2011 il produttore Usa di giocattoli si attende un giro d’affari in salita del 7% rispetto ai 4 miliardi di dollari riportati nel 2010. Renault (EUR : 31,60): nel 2011 le vendite in Europa sono balzate del 6,8%, mentre le vetture totali vendute nel 2011 hanno battuto il record del 2010 a 2.722.062 unità, salendo del 3,6% a livello globale. A spingere il risultato è stato il mercato fuori dall’Europa. Symantec (USD : 16,35): ha annunciato l’acquisto della società di archiviazione cloud-based. LiveOffice per un corrispettivo di 115 miliardi di dollari. L’acquisizione offre anche l’opportunità per una più stretta integrazione tra l’archiviazione e le funzioni di gestione e sicurezza delle e-mail di Symantec.cloud, di messaggistica istantanea, social media e la condivisione dei file. Walt Disney (USD : 38,74): è sulla buona strada per aprire il primo negozio in Cina nell’autunno 2012 e si sta impegnando per aprire da 25 a 40 punti vendita nel paese asiatico nei prossimi tre anni; sono le dichiarazioni rilasciate a Reuters da un dirigente del gruppo. Wells Fargo (USD : 29,97): ha chiuso il 4Q11 con utili a 4,11 miliardi di dollari (o 0,73 centesimi per azione, sopra le attese degli analisti che si attestavano a 0,72), contro i 3,41 miliardi di dollari (o 0,61 centesimi per azione) dello stesso periodo 2010. In lieve calo il fatturato (a 20,61 miliardi di dollari) che tuttavia resta sopra le attese del mercato, che si fermavano a 20 miliardi di dollari.

Macro – Cambi EUR/RUB: persiste la fase di recupero di medio periodo rublo, la valuta della Federazione Russa, che dai minimi di fine settembre sulla moneta unica europea a 43,9650 Euro si è progressivamente depresso fino agli attuali livelli in corrispondenza del supporto statico a 40,25. L’eventuale cedimento di quest’ultimo livello faciliterebbe un successivo rafforzamento della divisa russa, con supporti successivi a 39,35 Euro e sui minimi del marzo 2011 a 39,0315. Al contrario, i primi segnali di ripresa del cambio si avrebbero al superamento della MM a 45 gg, attualmente a 41,35, ed alla fuoriuscita dal canale ribassista di medio periodo. Target seguenti a 42,10, 43,0 Euro ed in corrispondenza dei massimi di fine settembre 2011.   

L’indice Euro Stoxx 50 chiude le contrattazioni con un rialzo superiore all’1%, con Francoforte che svetta tra le borse Ue mentre gli indici Usa scambiano al momento in progresso di circa l’1%. Corre il settore auto, bene anche le costruzioni mentre è in lieve calo l’alimentare. Tra i singoli titoli, balzo di oltre il 4% per Schneider Electric, molto bene anche Daimler e BMW tra le auto e l’accoppiata Ing-Axa tra le assicurazioni. Cede quasi l’1% Unilever.   

Short view – Borsa, Cambi e commodities

FTSE MIB       EUSTOXX 50  CAC40           IBEX           DAX 30        FTSE 100      

15326:0.69     2392:1.29     3260:1.10     8522:0.86     6322:1.64     5691:0.59

Dow Jones    Nasdaq100   S&P500         Nikkei225     Future Wti    Eur/Usd

12538:0.93    2402:1.26    1300:0.84    8495:0.30   100.2:1.6   1.274:0.6

Scritto: da LuisB
 



Codice QR dell’articolo: Sintesi della giornata finanziaria: 17 gennaio 2012.

qrcode

 QR Code Generator / Info, Supporto & FAQ
 
 


Il mondo dell’economia della finanza, economia e lavoro in particolare quello della borsa ti affascina e sei sempre alla ricerca di informazioni o di risposte? Su Virgilio Genio trovi le risposte migliori e le persone più esperte per rispondere alle tue domande.
 
 


Disclaimer

EconomicBlog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7 marzo 2001 e nella fattispecie non è sottoposto agli obblighi previsti dalla legge n° 47 dell’8 febbraio 1948.

L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, né del contenuto dei siti ad esso collegati.

Alcune, immagini e materiale multimediale in genere inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, si prega di comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimossi.

EconomicBlog è indirizzato ad un pubblico indistinto e viene fornito a titolo meramente informativo. Essa non costituisce attività di consulenza da parte di EconomocBlog, né, tantomeno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari.

 

Sintesi della giornata finanziaria: 17 gennaio 2012ultima modifica: 2012-01-17T18:28:00+00:00da bellefotoblog
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Sintesi della giornata finanziaria: 17 gennaio 2012

Lascia un commento