Orologeria: nel 2010 recupero degli investimenti in pubblicità in Italia

42-24686158.jpgL’orologeria segna una crescita a doppia cifra degli investimenti pubblicitari nel 2010. I 195 marchi analizzati hanno registrato un incremento del 18% raggiungendo un valore complessivo pari a quasi 67 milioni di Euro. I primi cinque marchi nella classifica dei top spender hanno messo a segno un progresso del 29% degli investimenti a 18,9 milioni di Euro, raggiungendo così nel 2010 una quota pari al 28,2% del totale contro il 25,8% dello scorso anno.

BJ-7010-59E_1.jpgIn prima posizione si piazza lo storico marchio nipponico Citizen che ha aumentato del 42,2% il budget destinato alla pubblicità che quindi nel 2010 ha superato i 9 milioni di Euro. Al secondo posto si trova uno dei brand per antonomasia di orologi di lusso, Rolex che ha mantenuto quasi invariati gli investimenti pubblicitari rispetto al 2009 (+1,6%) e confermando una quota pari 5% sul totale.

L’italiana Breil guadagna la medaglia di bronzo. Da alcuni anni il marchio che fa capo al Gruppo Binda, azienda produttrice di orologi nata nel 1906, ha puntato sull’advertising e difatti anche nel 2010 gli investimenti, che sono pari a 2,5 milioni di Euro, sono aumentati del 143,1%. Le ultime due posizioni della classifica dei top spender sono occupate da due maison storiche dell’orologeria, Breitling e Cartier. Il primo ha registrato un progresso del 77,8% a 1,7 milioni di Euro che ha permesso di raggiungere la quarta posizione con una quota del 2,6% rispetto al totale, mentre Cartier ha contratto gli investimenti pubblicitari nel 2010 del 36,2% a poco più di 1,6 milioni di Euro.

sfondotribe.jpgConsiderando ora le testate che hanno attirato gli investimenti maggiori, si scopre che i quotidiani raccolgono quasi la metà dell’intero valore complessivo della pubblicità in Italia (circa il 48,7%). Le tre principali testate di quotidiani hanno registrato un incremento del 35% rispetto all’anno precedente superando 32 milioni di Euro. Il Sole 24 Ore, Corriere della Sera e La Repubblica si piazzano ai primi tre posti nella classifica delle testate con il maggior numero di pubblicità di brand di orologi. Il Sole 24 Ore ha visto aumentare gli investimenti del 70,9% a 14,4 milioni di Euro, assorbendo così il 21,5% degli investimenti totali. In seconda posizione si piazza il Corriere della Sera, stabile rispetto al 2009 con 9 milioni di Euro di investimenti (-0,8%) seguito da La Repubblica a quota 9 milioni di euro, in crescita del 38,7% rispetto al 2009.

Tornando alla tipologia di testate, le pubblicità di orologi nei settimanali sono cresciute del 12,5% nel 2010 a 26,5 milioni di Euro mentre i mensili hanno registrato la performance peggiore con un calo del 13,2% a 7,8 milioni di Euro.

Premessa metodologica

Per il settore orologi le testate analizzate sono state 58 di cui 3 quotidiani, 26 settimanali e 29 mensili. I marchi considerati nel 2010 sono stati 195. I dati sono stati raccolti “registrando” tutte le pagine pubblicitarie apparse sulle testate considerate per la ricerca. La valorizzazione degli investimenti è stata fatta scontando del 75% i prezzi lordi di listino delle singole testate, rilevati dalla pubblicazione “Dati e Tariffe” – prontuario dei mezzi pubblicitari italiani. Il 25% del prezzo di listino costituisce, secondo le nostre stime, il costo più verosimile delle pagine pubblicitarie. Fonte: studio condotto da Pambianco Strategie di Impresa, 2011.

Scritto: da LuisB


Codice QR dell’articolo: Orologeria: nel 2010 recupero degli investimenti in pubblicità in Italia.

qrcode

QR Code Generator / Info, Supporto & FAQ



Il mondo dell’economia della finanza, economia e lavoro in particolare quello della borsa ti affascina e sei sempre alla ricerca di informazioni o di risposte? Su Virgilio Genio trovi le risposte migliori e le persone più esperte per rispondere alle tue domande.



Disclaimer

EconomicBlog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7 marzo 2001 e nella fattispecie non è sottoposto agli obblighi previsti dalla legge n° 47 dell’8 febbraio 1948.

L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, né del contenuto dei siti ad esso collegati.

Alcune, immagini e materiale multimediale in genere inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, si prega di comunicarlo via e-mail e saranno immediatamente rimossi.

 

Orologeria: nel 2010 recupero degli investimenti in pubblicità in Italiaultima modifica: 2011-02-11T18:43:00+00:00da bellefotoblog
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Orologeria: nel 2010 recupero degli investimenti in pubblicità in Italia

Lascia un commento